What to do in Siena? News.
  • Italian flag American flag

    Visita al Pavimento del Duomo di Siena

    Il Duomo di Siena è considerato una delle principali attrazioni della città e una delle più importanti chiese gotiche d'Italia. I motivi per visitarlo sono molteplici, ma il periodo dell'anno in cui il pavimento in marmo a mosaico viene scoperto è sicuramente d'obbligo. Solitamente è da metà agosto fino alla prima settimana di Ottobre. Per motivi liturgici e di conservazione, il resto dell'anno è parzialmente coperto. Lo straordinario pavimento in marmo del Duomo di Siena sarà di nuovo completamente scoperto dal 4 al 26 novembre e dal 10 al 20 dicembre. È la seconda volta che viene fatta la scopertura del pavimento e siamo molto grati al Vescovo di Siena per aver permesso a tanti visitatori di ammirare quest'opera d'arte unica. Perché il pavimento del Duomo di Siena è così famoso?Descritto dal Vasari come il "più bello... grandioso e magnifico", i mosaici che formano il pavimento sono davvero unici nel loro genere, non solo per le tecniche utilizzate, ma anche per il messaggio che in molti di essi rievoca costantemente la ricerca della Conoscenza e della fede dell'umanità. Realizzato tra il 1369 e il 1547, il pavimento è costituito da 56 scene rappresentate con la tecnica del mosaico nel marmo da alcuni dei più grandi artisti senesi come Sassetta, Domenico di Bartolo, Matteo di Giovanni e Domenico Beccafumi. Tanto grande quanto complesso perché ci è voluto molto tempo per finirlo. Infatti il pavimento è stato completato nell'Ottocento, più di 600 anni dopo. Borgo Grondaie consiglia di non perdere la vista della pavimento dai sottotetti del Duomo. In realtà c'è un nuovo Tour all'interno del Duomo che permette ai visitatori di vedere il pavimento a mosaico dall'alto. Si chiama LA PORTA DEL CAVOLO e merita una visita! Questa parte del Duomo, che rappresenta la parte superiore della chiesa, è stata chiusa per diversi secoli e ora è finalmente aperta al pubblico. Quando il visitatore raggiunge la Porta del Cielo, ha la possibilità di passeggiare sopra le navate del Duomo, visitare il tetto, ammirare dall'alto le bellezze interne del Duomo e, allo stesso tempo, godere della vista panoramica della città di Siena dal lato anteriore della chiesa sulla Facciata e per il lato destro dell'edificio. DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI PER DUOMO?Visitando il sito http://operaduomo.siena.it/it/opera/ è possibile verificare la disponibilità e il prezzo dei biglietti, le offerte per i gruppi, gli orari di apertura e anche acquistare i biglietti online. L'OPA Si Pass permette di visitare il Duomo, il Museo dell'Opera dove si può vedere la magnifica Maesta' di Duccio Buoninsegna e di salire fino in cima al "facciatone" per godere di una straordinaria vista sulla città di Siena, il Battistero e la Cripta. Se si desidera includere il PORTA DEL CAVOLO è possibile acquistare l'OPA SI Pass Plus che comprende anche questo itinerario che, secondo noi, è assolutamente da consigliare. Borgo Grondaie dista solo 1,5 km dal centro di Siena. Potrete godervi una bella passeggiata a piedi fino al Duomo lasciando l'auto nel nostro parcheggio. Chiedete alla reception una mappa e se avete bisogno di aiuto per prenotare i vostri biglietti vi possiamo aiutare! Buona visita al Duomo e al suo meraviglioso pavimento in marmo!  

  • Italian flag American flag

    GLI IMPRESSIONISTI DI LADY FLORENCE IN MOSTRA A SIENA

      Fino al 10 Gennaio sarà possibile ammirare al Santa Maria della Scala di Siena la collezione privata di Lady Florence Phillips in mostra permanente al museo ART GALLERY di Johannesburg in Sud Africa. Un'occasione da non perdere, sia per la location di straordinaria bellezza, che per le opere che ripercorrono quasi un secolo di storia dell'arte. Un viaggio lungo ben 60 opere fra oli, tempere, acquerelli e grafiche, dei maggiori interpreti del XIX e XX secolo..dai preraffaelliti agli impressionisti, passando per Modigliani fino a Picasso e la pop art di Andy Warhol. Prima di iniziare la nostra visita, è utile a nostro avviso, fare un'introduzione di colei che ha collezionato e donato al mondo queste opere: Lady Florence Philipps.  Nata a Cape Town nel 1863, Lady Florence si sposa ancora giovane con Lionel Philipps un mercante di origini inglesi, e si trasferisce a Johannesburg dove partecipa all'ascesa in politica del marito. A causa di un coinvolgimento personale di Lionel in un caso politico a livello internazionale, questo viene esiliato in Inghilterra, e così Lady Florence sceglie di seguire il marito nella sua patria.   E' in questa occasione che comincia ad appassionarsi all’arte. Infatti frequentando i salotti e visitando le mostre cresce in lei la convinzione che l’arte possa essere utilizzata come valido aiuto per le fasce sociali più bisognose. Tornata a Johannesburg nel 1906, inizia a lavorare attivamente alla sua idea di realizzare qualcosa di importante per il Sudafrica. Grazie all'esperienza maturata oltreoceano, Lady Florence realizza una galleria pubblica di alto livello artistico a Johannesburg. L'amore per la sua terra, la impegneranno in opere di divulgazione delle tradizioni dei nativi attraverso un splendida collezione di manufatti. L'ultimo capitolo della sua vita, lo trascorse nella tenuta di famiglia nel Somerset.  La forza e la tenacia di questa donna straordinaria sono ben visibili nel ritratto che apre la mostra del ritrattista italiano Antonio Mancini. La mostra si apre con una sezione espositiva dedicata all’Ottocento inglese, con opere del grande protagonista del romanticismo britannico William Turner, dei Preraffaelliti e prosegue con gli autori francesi come  Gustave Courbet e Millet  E' la straordinaria raffinatezza del linguaggio impressionista che cattura lo sguardo nelle opere di Monet, Sisley, Degas e Guillaumin.     Notevole spazio viene dato al pointillisme con i capolavori di Signac e di Pissarro. Il percorso è quindi un crescendo di opere e emozioni dai disegni di scultori Rodin e Maillol alle opere di Matisse e Modigliani..fino alla testa di arlecchino di Picasso e le grafiche di pop art di Warhol e Lichtenstein. A chiusura della mostra una sezione dedicata alla patria di Lady Florence, il Sudafrica con tre splendide opere di William Kentridge, il più noto rappresentante dell’arte sudafricana nel mondo contemporaneo. Il complesso del Santa Maria della Scala dove è esposta la collezione"il Sogno di Lady Florence" si trova davanti al DUOMO DI SIENA. Una bella occasione per fare una visita alla Cattedrale, al Museo dell'Opa e anche ammirare la splendida vista dal Facciatone. Consigliamo anche di non perdere la visita ai sottotetti del Duomo con il percorso La Porta del Cielo che permette di ammirare lo splendido pavimento dall'alto della cupola. Ti aspettiamo!